Versace cresce del 20% e punta a 500 milioni. L' ad Ferraris: «La famiglia non cederà il controllo»

Per Versace il 2011 aveva rappresentato un'autentica svolta, con il ritorno all'utile e una crescita a due cifre del fatturato, arrivato a 340,2 milioni (+16,4% sul 2010). Ma se il 2011 era stato un buon anno, il 2012 è stato ottimo: i ricavi sono aumentati addirittura del 20%, sfiorando i 410 milioni, e la redditività ha continuato a migliorare sensibilmente.

L'ebitda è salito a 44,5 milioni (+15% a cambi correnti) che sarebbero stati 46 a cambi costanti (+205), mentre l'utile netto è arrivato a 8,5 milioni rispetto ai 7,9 del 2011.
«Se consideriamo gli ultimi tre anni, il fatturato è aumentato del 50% e per il 2013, anche basandoci sull'ottimo andamento del primo trimestre (+20%), pensiamo di continuare a crescere a due cifre – sottolinea Gian Giacomo Ferraris, amministratore delegato di Versace dal giugno 2009, dopo un periodo altrettanto felice al vertice di Jil Sander –. L'anno scorso non avevamo nascosto la nostra ambizione, certificata dal piano triennale: arrivare a 500 milioni di fatturato migliorando in modo parallelo gli indici di redditività. È questa infatti la taglia che consideriamo critica per competere sul piano dimensionale ma anche per avere la stessa capacità di investire con gli altri marchi del lusso».
Come per l'intero settore (si pensi ai risultati record nei rispettivi monomarca di Prada, Gucci, Armani, Dolce&Gabbana, solo per citarne alcuni), le vendite del network retail di Versace sono andate ancora meglio di quelle complessive: «Nel 2012 siamo arrivati a 224,5 milioni (+39%). Il fatturato wholesale è stato di 149,4 milioni, in salita del 5%, mentre i ricavi da royalties sono rimasti stabili rispetto al 2011 a 34,9 milioni. Un dato che non ci preoccupa e che anzi ci aspettavamo – precisa l'ad – perché abbiamo riportato in casa una licenza importantissima, quella di Versus, la linea giovane del gruppo, e l'impatto positivo sui ricavi lo vedremo solo quando la nuova organizzazione produttiva e commerciale andrà a regime, cioè in questo o al massimo nel prossimo esercizio. Per quanto riguarda le altre licenze, cioè sostanzialmente profumi, occhiali e linee bambino, siamo molto contenti e anche in questo caso pensiamo che la ritrovata energia del marchio e i suoi successi negli ultimi due anni si riverbereranno sulle licenze: accade sempre così, come è giusto che sia.

È l'immagine di Versace come brand di lifestyle che traina ogni altro prodotto con il marchio della maison. Io e la mia squadra abbiamo messo a punto la macchina produttiva, distributiva, commerciale, organizzativa. Ma senza l'energia creativa e la visione di Donatella Versace non saremmo riusciti a portare avanti il progetto di far tornare a correre Versace su ogni mercato».
Nel 2012 il mercato più dinamico per Versace sono stati gli Usa, cresciuti del 46%, seguiti da Asia (+38%) ed Europa, dove il fatturato complessivo è aumentato del 7% e quello retail del 19%. «Il ritorno all'utile del 2011 ci ha permesso di aumentare ulteriormente gli investimenti e nel 2013 faremo lo stesso – aggiunge Gian Giacomo Ferraris –. L'anno scorso abbiamo destinato 25 milioni al retail, alle nuove linee di costumi da bagno e biancheria intima, all'e-commerce (in partnership con Yoox.com, ndr), all'alta moda di Atelier Versace e a Versus. In termini geografici, abbiamo privilegiato Hong Kong, Malesia, Cina, Brasile, Stati Uniti, ma anche Europa, che nel 2012 valeva 175,3 milioni, pari al 43% del totale».

Sul futuro assetto societario della Versace spa Ferraris non si sbilancia: «Negli ultimi due anni siamo cresciuti con le sole nostre forze. Non possiamo escludere, a medio termine, di trovare strade diverse: siamo un brand internazionale, anzi, globale, e se pensiamo a un socio lo facciamo a un livello altrettanto globale. Una cosa mi sento però di affermare senza timore di essere smentito – conclude Ferraris –: la famiglia Versace non ha alcuna intenzione di cedere la quota di controllo della società, qualsiasi cosa succeda».

TAGS: Armani | Asia | D&G | Europa | Gian Giacomo Ferraris | Gucci | Jil Sander | Marchi e brevetti | Versace

Shopping24

   
G