Milano capitale dello shopping tax free dei turisti cinesi

(Olycom)(Olycom)

Un tesoretto che alla fine del 2014 potrebbe superare i 2 miliardi di euro e che continua a crescere. Tanto valgono gli acquisti tax free dei turisti cinesi in Italia, pari al 24% del totale (stimabili in 8,5 miliardi) contro il 27% dei russi, che restano al comando della classifica nonostante il calo registrato dall'inizio dell'anno.

Alcuni dei dati presentati ieri da Global Blue, società specializzata in servizi per lo shopping dei turisti stranieri, confermano lo scenario delineato circa un mese fa in occasione del convegno Altagamma, ma ci sono interessanti novità per Milano, da valutare in vista di Expo. Il capoluogo lombardo assorbe il 34% degli acquisti tax free dei cinesi, tracciabili grazie al fatto che i turisti extra Ue chiedono il rimborso dell'Iva tramite società come Global Blue, che può quindi quantificare le spese fatte nel nostro Paese e analizzare i dati.

«Milano è la città che attrae maggiormente i cinesi – spiega Antonella Bertossi, marketing manager di Global Blue -, seguita da Roma, Firenze e Venezia, che assorbono il 18%, 9% e 7% degli acquisti. È una grande opportunità in vista di Expo, che dovrebbe portare in città un milione di turisti cinesi, che quasi certamente approfitteranno del viaggio per visitare altre città italiane. Nessun commerciante dovrebbe farsi trovare impreparato».
Non solo i cinesi tallonano i russi, crescendo, nei primi dieci mesi dell'anno, del 16% in Italia e del 13% a Milano, ma spendono di più: il loro scontrino medio, nel capoluogo lombardo, è di 1.208 euro, contro gli 871 euro di quello dei russi, che risulta inferiore anche allo scontrino medio di tutti i turisti internazionali (959 euro).

Se la frenata dei russi è stata improvvisa e legata a vari fattori (svalutazione del rublo, calo dei prezzi delle materie prime, incertezza economica interna e crisi geopolitica con la Ue per via del conflitto in Ucraina), l'aumento dei cinesi non è una novità: secondo Global Blue, negli ultimi sette anni gli acquisti tax free dei “globe shopper” cinesi a Milano sono sempre cresciuti, con un picco riscontrato nel 2010 (+97%).

Per capire meglio le esigenze dei turisti cinesi, Global Blue ha fatto due ricerche focalizzate su Venezia e Roma, che saranno, insieme a Firenze, le mete preferite da chi verrà in Italia per Expo. «I cinesi gireranno l'Italia prediligendo le città d'arte – sottolinea Antonella Bertossi -. Acquisteranno di tutto, ma avranno molte aspettative. Sono attenti allo sconto, come dimostra il dato sugli outlet, che già oggi assorbono il 19% degli acquisti. E vogliono sentirsi compresi: è indispensabile avere personale cinese, non solo persone che parlano cinese. L'ideale sarebbe inoltre che i negozi avessero orari più flessibili e che non ci fossero chiusure domenicali».

TAGS: Antonella Bertossi | Consumatori | Firenze | Global Blue | Milano | Roma | Venezia

Shopping24

   
G