Capsule collection colorata della campionessa Fiona May

Capsule collection colorata della campionessa Fiona May. Nella foto l'atleta (a destra) con l'amica e socia d'affari, Sara Fioravanti
Capsule collection colorata della campionessa Fiona May. Nella foto l'atleta (a destra) con l'amica e socia d'affari, Sara Fioravanti

«Vogliamo mettere un po' di colore e di speranza in questo momento di crisi e di pessimismo». Il colore evocato da Fiona May, due volte campionessa mondiale di salto in lungo, è quello che caratterizza la capsule collection di sciarpe, bijoux e tshirt appena realizzata con l'amica e socia d'affari, Sara Fioravanti, e presentata oggi a Prato con il marchio Dodicidodici (dal giorno e mese di nascita di entrambe, che condividono anche l'anno 1969). Sciarpe leggere e colorate, pendenti in ebano e metallo, anelli in strass e magliette disegnate che puntano a trasmettere un'idea di gioia e amore.

Un ingresso a piccoli passi nel mondo della moda, che nasce da un'amicizia stretta negli ultimi anni. «Ci siamo conosciute cinque anni fa attraverso le nostre figlie, che frequentavano la stessa scuola di danza – spiegano Fiona e Sara, che abitano a pochi chilometri di distanza (l'una alle Croci di Calenzano, l'altra alla Querce di Prato) – e subito è nata tra noi una grande affinità. Da tempo pensavamo di fare qualcosa insieme, e ora finalmente è nata questa prima collezione di accessori».

Fiona ci ha messo la concretezza e la determinazione («se mi metto in gioco, gioco al 100%», dice), Sara la creatività che già esprime nella piccola azienda di packaging che possiede a Barberino del Mugello. Così hanno creato la società Dodicidodici, 50% ciascuno, e affidato la distribuzione alla pratese Pooltrend. «Ma vendiamo anche attraverso il nostro sito Internet», precisano le amiche-imprenditrici che hanno disegnato insieme la collezione, prodotta da aziende di Prato e Firenze «in grado di assicurare un prodotto di alta qualità». Obiettivi di fatturato? «Partiamo a piccoli passi, ma non mettiamo limiti», dicono.

Per Fiona May è una 'terza vita" dopo quella da atleta e da attrice, che non vuole assolutamente mischiare con la moda. «Sarebbe stato più facile mettersi a produrre una linea sportiva – spiega – ma non mi interessa far leva sulle mie abilità in altri campi per vendere magliette. Questo progetto non è basato sul personaggio ma su un'idea, che abbiamo cercato di tradurre appoggiandoci ad aziende di qualità. Per questo credo che durerà, a differenza di tanti altri avviati da persone famose».

TAGS: Dodicidodici | Fiona May | Firenze | Pooltrend | Prato | Qualità dei prodotti e servizi | Sara Fioravanti |

Shopping24

   
G